«Le Récital des Postures»

Yasmine Hugonnet © BAK/Gregory Batardon
Yasmine Hugonnet © BAK/Gregory Batardon
Yasmine Hugonnet © BAK/Gregory Batardon

«Le Récital des Postures» di Yasmine Hugonnet

Creazione attuale di danza

 

Nell’assolo di danza «Le Récital des Postures» Yasmine Hugonnet indaga il corpo come fosse uno strumento. Ciò che vediamo non è il suo corpo di danzatrice, ma un corpo simbolico, archetipico e sociale creato da Yasmine Hugonnet attraverso forme e condizioni con cui il pubblico può comunicare, perché suscita immagini e associazioni di idee in chi l’osserva. Con impressionante lentezza gli ultimi 50 minuti si sviluppano senza musica in un carosello coreografico rituale che, in particolare nel silenzio delle positure e nei passaggi delle forme sculturali, amplia lo sguardo e fa talvolta sorridere. Dalla prima nel quadro del festival Les Printemps de Sévelin del 2014 a Losanna la pièce è in tournée in Svizzera e all’estero e ovunque riscuote successo. Nel 2017 «Le Récital des Postures» è stato presentato alla seconda edizione della Séléction suisse ad Avignone.

 

Patrice Delay, membro della giuria:

«Yasmine Hugonnet è interessata al rapporto tra forma, immagine e sensazione, alla (de)costruzione del linguaggio coreografico, al processo dell’incarnazione e dell’appropriazione. In Le Récital des Postures mostra la singolarità di un corpo senza viso, piegato e vestito, che si mostra senza svelarsi, il mistero di una voce che si sente senza proiettarsi. Il mondo che ci presenta è un filo teso, un respiro sospeso, una concentrazione estrema. Il movimento è governato nella sua massima finezza grazie a una concentrazione estrema e una decomposizione intelligente verso il minimale. E alla fine ecco l’umorismo che rende ancora più personale l’universo di questa artista».

Yasmine Hugonnet

Yasmine Hugonnet, nata a Montreux nel 1979, ha abitato dai tre ai sei anni in Mali e vive ora tra Losanna e Parigi. Dopo avere preso lezioni di danza si è trasferita a Parigi ancora adolescente per studiare danza contemporanea al Conservatoire National Supérieur. Parallelamente si interessa di contact improvisation, Butoh e ricerche coreografiche. Oltre a vari ingaggi come danzatrice, dal 2003 al 2005 frequenta in Olanda il master in coreografia Dance Unlimited. Nel 2006 si fa notare a livello internazionale con il trio «RE-PLAY». Dopo un periodo di ricerca durato dal 2009 al 2013 ha realizzato numerosi assoli, tra cui «Le Récital des Postures». Dal 2015 al 2017 Yasmine Hugonnet è stata per due stagioni artista associata del Théâtre Sévelin 36 di Losanna e beneficia del programma YAA! di Pro Helvetia che fa incontrare giovani coreografe e coreografi di talento e teatri svizzeri rinomati.