«Creature»

Gábor Varga © BAK/Gregory Batardon
József Trefeli © BAK/Gregory Batardon
József Trefeli & Gábor Varga © BAK/Gregory Batardon

«Creature» József Trefeli & Gábor Varga

Creazione attuale di danza

 

In «Creature» del 2015 József Trefeli e Gábor Varga analizzano e reinventano la danza tradizionale ungherese della loro infanzia. Punto di partenza della coreografia di 35 minuti sono requisiti come bastoni, fruste, maschere e costumi insoliti creati con rifiuti riciclati. Attraverso decostruzioni e ricostruzioni questi oggetti assumono nuove funzioni e vengono destinati a una vita più semplice e dinamica. Partendo dal folclore i due coreografi creano il «faux-klore». Il pubblico siede attorno a un’arena quadrata e segue i dialoghi ritmati, energici e divertenti. Anche la lingua madre dei due, l’ungherese, assume un ruolo in questa ricerca biografica, etnografica ed estetica in cui l’esotismo della danza folclorica si confronta con il linguaggio della danza contemporanea e ne fa emergere le affinità. Una pièce sorprendentemente insolita dell’attuale scena della danza svizzera che diverte ed esplora con autoironia e freschezza.

 

Guillaume Guilherme, membro della giuria:

«Uno spettacolo aggressivo, coinvolgente e a tratti quasi minaccioso in cui due uomini saltellanti dettano il ritmo al centro dell’arena e guidano il rito. I bastoni non tardano a volteggiare e le fruste, attenzione!, a schioccare fragorosamente. La potenza costante che producono non è brutale e i pesanti costumi pagani in cui affondano non sono privi di ironia. Il merito della pièce risiede in questa rilettura innovativa della danza folclorica ungherese e, attraverso un universo epico e sfalsato, nella valorizzazione della tenacità. I protagonisti appassionano per la loro energia traboccante e se ne vanno lasciando il pubblico, come loro stessi, con il fiato mozzato».

József Trefeli e Gábor Varga

József Trefeli, nato in Australia nel 1971 da genitori ungheresi, ha concluso la sua formazione di danzatore all’Università di Melbourne con il bachelor. Nel 1996 si è trasferito a Ginevra per entrare a far parte della Compagnie Alias. Per otto anni vi ha creato ruoli significativi dotandoli di uno proprio stile estroso. Ha lavorato con altre compagnie svizzere come Greffe, Drift, Utilité Publique, Philippe Saire e Da Motus!, prima di creare la propria compagnia nel 2005. Insieme a Gábor Varga nel 2011 ha realizzato «Jinx 103».

Gábor Varga, nato in Ucraina nel 1980, anch’egli da genitori ungheresi, è esordito come danzatore folcloristico. Dal 1995 al 2000 ha studiato alla Talentum International School of Dance and Musical Art di Budapest ed è stato in seguito ammesso alla scuola P.A.R.T.S di Bruxelles. Durante gli anni trascorsi in questa città ha danzato per prestigiosi coreografi come Anne Teresa de Keersmaeker, David Zambrano, Michèle Anne De Mey, Mette Ingvartsen e Thomas Hauert. A Ginevra, dove vive attualmente, è danzatore in compagnie come Gilles Jobin, Alias e József Trefeli ed è impegnato nella produzione e promozione di progetti artistici.